Esempio di Articolo

23/01/2020
DUE RAPINATORI ARMATI ASSALTANO TORREFAZIONE
Catania: arrestato pregiudicato per un altro colpo Due rapinatori armati assaltano torrefazione Ancora una rapina mordi e fuggi. Catania, il comune prescelto, una ditta di torrefazione (Torrefazione Romy) l'obiettivo da assaltare. L'ora X, le 11.30. Erano in due col volto travisato, uno armato di pistola (forse giocattolo). Sono entrati senza neppure chiedere permesso e senza complimenti - sotto la minaccia dell'arma - hanno preteso dall'impiegato la consegna del denaro contenuto nel cassetto, circa 400 euro. I due, arraffato il bottino, si sono allontanati a piedi. L'esercizio è ubicato in via Cavolo, alle porte di Tremestieri, una strada che sbocca in un'importante e trafficata arteria di collegamento tra Mascalucia e Tremestieri. È anche probabile che un complice possa averli attesi proprio in questa arteria. Al titolare dell'esercizio commerciale non restava altro che denunciare il fatto ai carabinieri della locale stazione che hanno subito attivato la "caccia all'uomo". Sempre a Catania, nella stessa giornata, i carabinieri, al comando del maresciallo Vincenzo Di Primo, in ottemperanza al provvedimento di carcerazione emesso dalla Procura distrettuale della Repubblica di Catania, hanno arrestato Vincenzo Chipano. Si tratta di un uomo di 43 anni di Misterbianco, con diversi precedenti penali. E' accusato del reato di rapina ai danni di un'attività commerciale di Catania compiuta nei giorni scorsi. Le numerose rapine che si stanno verificando in questi ultimi tempi hanno fatto crescere il clima di paura e di preoccupazione tra gli abitanti della cittadina. Anche le forze politiche locali intervengono sul delicato problema al fine di trovare una soluzione per prevenire il fenomeno. «La devianza giovanile, la crescente disoccupazione, l'inosservanza degli obblighi scolastici - osserva Claudio Risicato, presidente del circolo mascaluciese di Italia dei valori - il silenzio della comunità ecclesiale e di molte istituzioni concorrono a favorire lo sviluppo della criminalità comune e organizzata».